La PRIMA stampante 3D per Ottone

Ottieni forme complesse in un colpo solo

Producendo i tuoi componenti in stampa 3D, layer per layer, senza usare stampi o fusioni.

Elimina gli sprechi di materiale e abbatti i costi di magazzino

Costruendo i pezzi direttamente in ottone senza passaggi intermedi che aumentano tempi e costi

Produci più velocemente e riduci i costi

Disponendo più componenti e prototipi diversi per ogni job di stampa

La tecnologia più veloce per la produzione di
pre serie e piccoli lotti in ottone

L’additive manufacturing rappresenta la soluzione più rapida e meno costosa per la produzione di piccoli lotti, specialmente per il fatto che la complessità geometrica di ogni pezzo non ha un grosso impatto sul costo finale di produzione.

   Più il componente da produrre è complesso più l’utilizzo della stampa 3D è conveniente.

   Tutto ciò si riflette direttamente sulla validazione di pre serie di componenti che dovranno essere prodotte in larga scala, permettendo all’utilizzatore di disporre di 5, 10 campioni diversi in pochissime ore invece che in diversi giorni/mesi, producendole direttamente in un unico ciclo di stampa.

   Uno dei vantaggi della stampa 3D Powder Bed Fusion (Fusione a letto di polvere) è proprio quello di poter disporre sul piatto di costruzione diversi tipi di geometrie e di componenti, producendoli direttamente in un unico passaggio ed in pochissime ore.

   Questo aspetto crea un enorme gap competitivo tra le aziende che sfruttano la stampa 3D e quelle che non la adottano, poiché le prime hanno la possibilità di avere in mano prototipi funzionali dei loro componenti in qualche ora.       Inoltre qualora tali prototipi necessitassero di modifiche, le aziende che sfruttano la manifattura additiva potranno procedere alla modifica della geometria in pochi minuti e alla realizzazione rapida dei nuovi prototipi.

Valvola prodotta in CuZn42

Immagina quanti più clienti riusciresti a soddisfare avendo in mano i tuoi campioni in poche ore e a costi ridotti, piuttosto che averli in diversi mesi e dover sostenere i costi di uno stampo.

Questi due componenti sono identici e post lavorati

Riusciresti a dire quale dei due è prodotto con 3D4BRASS e quale è ottenuto da forgiatura?

Come si accorcia il flusso produttivo di componenti in ottone grazie a 3D4BRASS

Creazione file 3D e preparazione della macchina

Si parte da un file STEP del componente selezionato, che verrà ottimizzato secondo i dettami del Design for Additive Manufacturing (DfAM) per far sì che si utilizzi solo il materiale strettamente necessario e si riducano i costi. Successivamente si procede con la messa in tavola e la disposizione sul piatto di stampa con lo scopo di ottimizzare la produzione e le eventuali post lavorazioni.

Produzione diretta in Ottone con 3D4BRASS

Dopo aver caricato il file in macchina basterà solamente lanciare il job e 3D4BRASS produrrà, layer dopo layer, il componente (o l'insieme dei componenti) designati, fondendo le piccole particelle d'ottone in corrispondenza della geometria del pezzo, senza nessuno spreco di materiale e con dettagli anche di 50µm.

Rimozione dal piatto di stampa e post lavorazioni

Una volta terminato il processo di stampa, non resta che estrarre dalla macchina il componente insieme al piatto di stampa, rimuovere i supporti necessari per la costruzione ed effettuare le eventuali lavorazioni (pallinatura, rettifiche ecc) per aver in mano un pezzo finito. Nel frattempo 3D4BRASS avrà già recuperato tutta la polvere rimasta in macchina e sarà pronta per rilanciare immediatamente un nuovo job.

Prodotto finito

Ecco che dopo aver rimosso i pezzi finiti dal piatto di stampa ed aver eseguito le eventuali post lavorazioni necessaria si ottengono dei componenti finiti e funzionali, pronti per essere montati in macchina o pronti per essere venduti. Grazie a 3D4BRASS la produzione è super veloce ed economica

3D4BRASS è la prima stampante 3D
Powder Bed Fusion che utilizza polveri d'ottone

valvola stampata in 3D in CuZn42

Cosa si intende per "vera stampa 3D PBF"

Al momento (basta fare una semplice ricerca su Google) quando si cercano tecnologie di stampa 3D per ottone si incappa solamente in tecnologie che fingono” di essere stampa 3D.

   Si trovano siti e piattaforme che come modalità di produzione scelgono di produrre con una semplice stampante FDM il componente che si vuole ottenere per poi creare il calco e quindi lo stampo. Successivamente utilizzare lo stampo per colare l’ottone fuso, ma questa non è vera stampa 3D di ottone.

   Stampare in 3D ottone NON vuole dire produrre in additive il calco per lo stampo, ma significa costruire direttamente in ottone il componente desiderato.

   Questa tecnica detta fusione a cera persa non può essere considerata stampa 3D, ma piuttosto fonderia. Inoltre questa tecnica non è adatta alla produzione industriale di componenti meccanici poiché comporta:

  • L’utilizzo di strumenti di fusione di metalli come fornaci pericolose e dispendiose;
  • Tempi di produzione elevati in quanto bisogna produrre lo stampo, colare l’ottone fuso e rimuovere le parti in eccesso;
  • Grossi limiti geometrici poiché non è possibile creare geometrie complesse e interlacciate;
  • Altissimi sprechi di materiale e di tempi dovuti all’obbligatoria distruzione degli stampi dopo ogni colata.e

Qual è la miglior tecnologia per la produzione di componenti meccanici in Ottone

Settori d'applicazione di 3D4BRASS

Valvolame

Rubinetteria

Partners di sviluppo

Mettiti in contatto direttamente con un nostro esperto compilando il form qui sotto

Sarai ricontattato entro 24 ore

    * campi obbligatori
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.